Ricette 02 - OSTERIA LA PIEVINA Ristorante Asciano, Siena

Vai ai contenuti

Menu principale:

 

OSTERIA LA PIEVINA  Ristorante Asciano,Siena
Amaro
di
Miretta


.



La ribollita del "Ristorante la Pievina"

Ingredienti per 6 persone:
Tempo di cottura: 2 ore e 30 minuti


  • 250 gr di pane toscano (non salato) oppure dodici fette tagliate sottilmente

  • fagioli cannellini freschi 800 gr., se invece sono secchi 350 gr.

  • bietola fresca q.b.

  • 1 mazzetto di cavolo nero

  • 1/2 cavolo verza

  • 5 carote medie

  • 4 patate medie

  • 3 gambi di sedano, meglio se bianco

  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodori

  • 2 pomodori rossi

  • timo q.b.

  • 1 cipolla media

  • 2 spicchi d’aglio

  • sale e pepe q.b.


Preparate subito le verdure tagliandole a pezzi di media grandezza, lessate i fagioli cannellini e passateli al setaccio con la loro acqua di cottura, lasciatene alcuni interi, dopodichè fate soffriggere in una pentola la cipolla con l’olio. Quando la cipolla sarà imbiondita potrete aggiungere anche i pomodori rossi ed il cucchiaio di concentrato. Dopo alcuni minuti di cottura a fuoco medio aggiungete la purea di fagioli e quelli interi, mescolate ed aggiungete tutte le altre verdure a pezzetti. Salate e pepate a piacere, quindi aggiungete il timo. Lasciate cuocere per 2 ore almeno dopo avere aggiunto 6 mestoli di acqua. La zuppa va servita su un fondo di almeno 2 fette di pane precedentemente abbrustolito e strofinato con l’aglio






Nonna Diva,  intenta nella preparazione
dei caratteristici "pici" nell'osteria
"La Pievina"

Ingredienti: Rabarbaro, melissa, liquirizia, angelica, gramigna, noce di kola, menta, ginepro, genziana, anice,china, tarassaco, bardana, carciofo, finocchio.
senza alcool




Biscotti di Prato "Cantucci"


• Farina bianca 00: gr. 500
• Zucchero: rg. 500
• Mandorle: gr. 250
• 3 uova intere
• 2 tuorli d'uovo
• 1 cucchiaio di lievito in polvere
• 1 pizzico di zafferano
• Sale

Mettere la farina sul tavolo e fate la fontana. Al centro ponete lo zucchero, 2 uova intere, 2 tuorli, il lievito, un pizzico di sale e zafferano (quel giallo non è del tutto uovo!).
Lavorate un po' la pasta e aggiungete le mandorle non pelate e leggermente tostate in forno, poi continuate a impastre bene, infarinandovi ogni tanto le mani se la pasta vi restasse troppo appiccicaticcia.
Preparate tanti filoncini schiacciati larghi circa 2-3 dita e alti 1 centimetro; poneteli ben distanziati (gonfiando si unirebbero) su di una placca inburrata e infarinata e, dopo averli spalmati con uovo sbattuto, metteteli in forno a calore moderato (175°).
Appena saranno cotti (ci vorrà circa mezz'ora) tagliateli subito obliquamente ogni centimetro circa., in modo da ottenere la tipica forma del biscotto di Prato.




Acciughe ripiene



Pulire le acciughe eliminando testa ed interiora, aprirle a libro e staccare le lisca centrale, sciacquare ed asciugare. Eliminare la crosta a 2 fette di pancarre' e tritare la mollica in una terrina con tonno sgocciolato, parmigiano, 2 uova, 3 cucchiai di latte, maggiorana tritata fine, origano, sale, pepe ed amalgamare gli ingredienti.
Farcire ogni acciuga con un cucchiaino di ripieno e chiuderla, passare nella farina e friggere per 2-3 minuti in padella con abbondante olio caldo. Cospargere le acciughe con i pinoli.


 
 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu